Crea sito

20 gennaio 2018

0 Commenti

Veniamo tutti dalla stessa fonte

– Keep calm and read a book –

Ogni uomo, quando si acquieta, quando diventa disperatamente sincero con sé stesso, è capace di dire verità profonde. Veniamo tutti dalla stessa fonte; non v’è alcun mistero sull’origine delle cose. Facciamo parte tutti quanti della creazione, tutti i re, tutti i poeti, tutti i musicisti; dobbiamo soltanto aprirci, dobbiamo soltanto scoprire quanto già esiste.

Henry Miller, Domenica dopo la guerra

uomo

Continua a leggere...

27 novembre 2017

Commenti disabilitati su Le storie fondenti

Le storie fondenti

– Pensieri e Parole –

Preferisco le storie fondenti.FB_IMG_1511808891370
Quelle senza latte versato.

Simone Monaco

 

by Loredana Barbero (Pagina bianca – facebook)

Continua a leggere...

27 novembre 2017

Commenti disabilitati su Sono leggere dentro

Sono leggere dentro

– Pensieri e Parole –

Fanno delle cose, le donne, alle volte, che c’è da rimanerci secchi. Potresti passare una vita a provarci: ma non saresti capace di avere quella leggerezza che hanno loro, alle volte. Sono leggere dentro. Dentro.

Alessandro Baricco

FB_IMG_1511808881973

by Biagio Coppola (Pagina bianca – facebook)

 

Continua a leggere...

27 novembre 2017

Commenti disabilitati su Lo charme

Lo charme

– Pensieri e Parole –

Lo charme:un modo di ottenere in risposta un sì senza aver formulato nessuna chiara domanda.

Albert Camus

FB_IMG_1511808872797

by Pietrincanto diario di bordo di un’isterica creativa (Pagina bianca – facebook)

 

Continua a leggere...

27 novembre 2017

Commenti disabilitati su Il verbo sentire

Il verbo sentire

– Pensieri e Parole –

FB_IMG_1511808864539

 

 

Mi piace il verbo sentire. Sentire il rumore del mare, sentirne l’odore …
Sentire è il verbo delle emozioni, ci si sdraia sulla schiena del mondo e si sente …

Alda Merini

by Biagio Coppola (Pagina bianca – facebook)

 

Continua a leggere...

27 novembre 2017

Commenti disabilitati su Il freddo

Il freddo

– Pensieri e Parole –

FB_IMG_1511808853570

“Cosa cerchi”?
“Il sole”.
“Da cosa fuggi”?
“Dal gelo”.
“Cosa temi”?
“… Il freddo di chi non sa più ascoltare, non sa più amare e non sa più abbracciare”.

Anonimo

By Assonanze (facebook)

Continua a leggere...

13 novembre 2017

Commenti disabilitati su Uno dei due è un passo oltre

Uno dei due è un passo oltre

– Keep calm and read a book –

… questo è ciò che mille volte avviene nell’amore, uno dei due è un passo oltre, in una direzione che nemmeno conosce, ma sa di dover andare insieme all’altro e poi l’altro segue per fede, per amore e a volte, dopo, è lui a passare avanti e per amore si è insieme e ancora e ancora.

M Veladiano, Lei

Nota di Marilena Lucente: racconta di una lontana e misteriosa storia d’amore, questo libro. una storia di cui tutti conosciamo persino il finale. Eppure c’è ancora tanto da esplorare. Però questo passaggio qui, il passo che si tiene mentre si è in cammino, “il passo oltre”, vale per un uomo e una donna, per due amiche, due fratelli, una zia e una nipote. vale insomma per chi ci sta accanto.
e per chi, tenendo a noi proprio come accade a Maria, “sognava per me cose che io non sapevo sognare”

un passo
Continua a leggere...

13 novembre 2017

Commenti disabilitati su Quella manifestazione di debolezza

Quella manifestazione di debolezza

– Keep calm and read a book –

 Si accese un’altra sigaretta.
Pensai che c’era qualcosa di irrimediabile e tragico nel suo fumare continuo, in quella manifestazione di debolezza quasi rivendicata e trasformata ne suo contrario. Si intuiva una scelta deliberata di autodistruzione nella ripetizione di quei gesti sempre uguali: tirar fuori dal taschino il pacchetto morbido e ammaccato, picchiettare sul bordo superiore, far comparire il filtro ocra, metterselo tra le labbra, sgregare un cerino, aspirare con noncuranza.

G. Carofiglio, Le tre del mattino

Nota di Marilena Lucente: Padre e figlio sono a Marsiglia. Non sapevano di dover restare lì per due notti ma è successo. Così si guardano, si leggono nei gesti, un po’ imparano a conoscersi. A sapere l’uno dell’altro.
La voce narrante è quella del figlio. Quanto fuma, suo padre! Le dita leggermente ingiallite di nicotina, il modo di aspirare la sigaretta, i tanti, troppi momenti in cui prende il pacchetto.
Antonio vede tutto come se fosse la prima volta. E cambia il vedere dei lettori. Ti fa pensare ai gesti, a quello che hanno dentro, tira fuori l’anima anche al più elementare e smorto degli automatismi.
“Pensai che c’era qualcosa di irrimediabile e tragico nel suo fumare continuo, in quella manifestazione di debolezza quasi rivendicata e trasformata ne suo contrario”.
Così. Dopo quel gesto non lo puoi più guardare allo stesso modo.

sigarette

Continua a leggere...

13 novembre 2017

Commenti disabilitati su 13 novembre

13 novembre

novembre
– Giornata mondiale della Gentilezza

 

Il mistero della gentilezza

«La gentilezza è una esperienza umana ingiustamente considerata come sorpassata, nostalgica e, in fondo, inutile: espressione di un’epoca in cui la vita sociale consentiva relazioni interpersonali scandite dalla pazienza e dalla compassione, dalle attese e dalla speranza. Ovviamente, non mi è possibile concordare con questa tesi, e invece con quella che la gentilezza renda la vita degna di essere vissuta, e che ogni vita, alla quale essa sia estranea, diviene gelida e desertica. La gentilezza è un modo di conoscere le persone e un modo di prendersi cura di chi, stando male, ha bisogno almeno di una parola e di un gesto che rendano meno dolorosa la solitudine dell’anima. La gentilezza ancora ci consente di evitare le parole che feriscano e inaridiscano la speranza, e ci fa intravedere le ombre della fragilità e del dolore, della tristezza e dell’angoscia, della nostalgia e della disperazione, che gridano e chiedono aiuto nel silenzio. Non saremmo mai capaci di ascoltare queste grida se nel nostro cuore non abitasse la gentilezza: questa esperienza di vita così impalpabile e così segreta, così luminosa e così simile alle stelle del mattino: visibili solo agli occhi che a lungo sappiano guardare il cielo. Noi siamo soliti parlare delle emozioni forti, con le quali abbiamo a che fare ogni giorno, e ci dimentichiamo delle emozioni deboli, delle emozioni fragili, che sono ancora più significative, e più vicine al cuore, delle prime».

Ernesto Borgna dal libro «La ferita dell’anima»

gentilezza

Continua a leggere...

11 novembre 2017

Commenti disabilitati su L’unica maschera a noi visibile

L’unica maschera a noi visibile

– Keep calm and read a book –

mascheraSolo di poche persone c’è concesso osservare la gioia, la disperazione, la rabbia, la sofferenza, il godimento o l’euforia dipinti sul viso, per tutti gli altri bisogna accontentarsi dell’unica maschera a noi visibile.

Lorenzo Marone, La tentazione di essere felici

Continua a leggere...